mercoledì, giugno 17, 2015

Il Milan può fare un mercato milionario? Chi è e cosa fa Doyen Sports? Le risposte (documentate)

In questi giorni di “ruttini di mercato” (cit. Roberto Beccantini), sta suscitando molto clamore il rinnovato slancio del Milan sul fronte acquisti. Nomi altisonanti, possibilità di pagare per intero le clausole rescissorie (Jackson Martinez), budget da club di prima fascia, ecc. La trattativa per la cessione del club con Mr. Bee Taechaubol ha riempito pagine e palinsesti nelle ultime settimane. Tuttavia, nonostante le dichiarazioni dei protagonisti e i comunicati ufficiali, la vicenda non è molto chiara (questo uno dei migliori articoli letti). Soprattutto per chi non ha molta dimestichezza con finanza, fondi d’investimento, TPO, TPI, ecc. Sullo sfondo, poi, si staglia la figura della Doyen Sports Investments.

Per capire qualcosa in più di questa intricata vicenda e fornire qualche strumento ai lettori di Blog-In, vediamo di rispondere alle due domande fondamentali:

1. Il Milan può permettersi un mercato del genere - si parla di 120 milioni di euro di budget - nonostante un bilancio in rosso? E come la mettiamo col Fair Play Finanziario?
Per rispondere a questo quesito, vi rimando al seguente post del blog (consigliatissimo) “Calcio e altri elementi”:

2. Cos’è/Chi è la Doyen Sports? Come agisce? Quale ruolo ha nel calcio europeo e internazionale? Come può aiutare la campagna acquisti del Milan?
Per soddisfare tutte le domande sulla Doyen Sports consiglio di leggere gli articoli di Pippo Russo, biografo non autorizzato della stessa Doyen. Russo ha iniziato a lavorare su TPO, TPI e Doyen in tempi non sospetti (ha pubblicato un libro sul tema). I suoi articoli hanno portato Doyen a prendere carta e penna per rispondere alle critiche e alle criticità emerse.
Ai seguenti link potete trovare gli speciali curati da Pippo Russo, compresa replica e controreplica con Doyen Sports:
COMMENTO PERSONALE - Penso sia un bene che il Milan, e con lui anche altre squadre italiane, possa operare con autorevolezza sul mercato internazionale, potenziando la rosa e creando i presupposti per un campionato italiano più competitivo e combattuto. La sostenibilità del mercato rossonero, come si evince dall'articolo postato, è buona cosa, pur con tutti i rischi del caso in ottica Fair Play Finanziario.
La cosa che desta qualche perplessità, invece, è legata alla cessione del club (chi sono i finanziatori alle spalle di Mr Bee?) e ai rapporti con Doyen. Aspettiamo qualche settimana - ovvero vediamo quali giocatori arriveranno e quali saranno i prossimi passi di Mr Bee Taechaubol - per capirne qualcosa in più.