BLOG-IN DENTRO LO SPORT

Commenti e riflessioni sullo Sport e sul rapporto con Tv, Media, Marketing. Presentazione grandi eventi sportivi (calcio, ciclismo, basket, atletica, rugby), Olimpiadi. Inchieste su doping, diritti televisivi, giustizia sportiva. Recensioni libri sportivi. Blog che promuove la #culturasportiva

GIRO D'ITALIA 2013

Il percorso, le tappe, le altimetrie, le salite del Giro d'Italia 2013. Approfondimenti sulle frazioni più importanti, commenti e analisi su squadre, protagonisti e copertura Tv-Media. (foto by Sirotti - Stephill.tv)

TV - MEDIA - MARKETING

Analisi e commenti sul rapporto tra Tv, Media, Marketing e Sport. News e approfondimenti sul business che ruota attorno ad eventi, squadre e atleti. Approfondimenti su Programmi Tv, Editoria, Social Media, Sponsor, Eventi.

CALENDARIO CICLISMO 2013

Tutte le date del calendario ciclistico World Tour 2013. Dalle prime corse stagionali in Australia, alle Grandi Classiche di primavera, dalle Corse a tappe sino al Lombardia. Senza dimenticare i Mondiali italiani: appuntamento a Firenze a fine settembre. (foto by Sirotti - Stephill.tv)

INCHIESTE E SPECIALI

Le Inchieste e gli Speciali di Blog-In. Analisi su Diritti Tv, Bilanci, Fair Play Finanziario Ranking FIFA, UEFA, Giustizia Sportiva, Doping, ecc. Uno spazio per chi vuole andare "dentro lo sport", approfondendone meccanismi, regole e distorsioni.

giovedì, maggio 29, 2014

Mondiali Brasile 2014 su Sky Sport - Programmi, Telecronisti e Commentatori

Sky Sport trasmetterà in diretta tutte e 64 le partite dei Mondiali FIFA Brasile 2014 (39 in esclusiva, le altre 25 in contemporanea con Rai Uno). Come avvenuto a Sudafrica 2010, l'impegno di Sky Sport sarà totale. Dal 12 giugno al 13 luglio gli abbonati ai pacchetti Calcio e Sport potranno gustarsi ogni singolo attimo dei Mondiali brasiliani. Sarà coinvolta tutta la squadra calcistica di Sky, dai telecronisti ai commentatori tecnici (talent è un'espressione urticante) passando per Federico Buffa. Per l'occasione ci saranno anche alcune notevoli novità tecnologiche. Due gli studi allestiti: uno a Milano, l'altro a Rio de Janeiro.
Ecco nel dettaglio la copertura di Sky Sport per Brasile 2014:

TUTTE E 64 LE PARTITE IN DIRETTA E IN HD - Come detto, Sky Sport trasmetterà in diretta e in HD tutti e 64 i match dei Mondiali. 39 di questi saranno in esclusiva, 25 in contemporanea con Rai Sport: vedi elenco partite trasmesse dalla  Rai. L'Alta Definizione sarà perfezionata grazie al SUPER HD. Nei match più importanti, inoltre, Sky avrà una telecamera ultra slow motion dedicata.

I CANALI - Saranno 4 i canali di riferimento per Brasile 2014. Sky Sport 1 HD e Sky Calcio 1 HD dal 9 giugno si trasformeranno in Mondiale 1 HD: qui saranno trasmesse le partite dell'Italia e quelle più importanti. Su Mondiale 1 HD andranno in onda anche gli studi di approfondimento pre e post partita, gli appuntamenti quotidiani con "Terzo Tempo, in onda con noi" e con "Copacabana Day Calciomercato". Gli altri 3 canali saranno: Mondiale 2 HD (canale 252), Mondiale 3 HD (253) e Mondiale 4 HD (254). Ci sarà poi il Mosaico interattivo che permetterà di tenere a portata di telecomando tutte le informazioni sui Mondiali.



COMMENTATORI TECNICI E OPINIONISTI - Sarà di altissimo livello la squadra di commentatori e opinionisti che Sky manderà in campo per Brasile 2014: Gianluca Vialli, Alessandro Costacurta, Luca Marchegiani, Daniele Adani, Massimo Mauro, Ciro Ferrara, Paolo Rossi, Beppe Bergomi e Renato Zaccarelli. A loro, per l'occasione speciale, si unirà Alessandro Del Piero che svolgerà il doppio ruolo di opinionista e "seconda voce". Ad affiancare Ilaria D'Amico negli studi pre e post partita ci saranno Claudio Onofri, Andrea Zorzi e Federico Buffa.

SKY STADIUM - Sky Stadium sarà la grande novità tecnologica dei Mondiali targati Sky: per la prima volta in Italia, infatti, la lavagna tattica sarà in tre dimensioni. Grazie al nuovo sistema "VizRT Libero Virtual Presenter" i commentatori di Sky Sport ritorneranno in campo insieme ai campioni di oggi. I commentatori appariranno al fianco dei giocatori per analizzare le loro azioni, suggerire gli spostamenti, evidenziare le grandi giocate e gli errori. La nuova lavagna sarà affidata principalmente a Gianluca Vialli e Alessandro Costacurta.

PALINSESTO GIORNALIERO - La giornata tipo di Brasile 2014 su Sky inizierà alle 13:30 con "Terzo Tempo, in onda con noi", il programma con Mario Sconcerti e Alessia Tarquinio (con loro ci sarà anche Fayna). Alle 16:30 ci sarà "Copacabana Day Calciomercato", l'edizione Mondiale del programma condotta da Alessandro Bonan e Gianluca Di Marzio. La palla passerà poi a Ilaria D'Amico che introdurrà i temi di giornata coadiuvata da Marco Cattaneo in collegamento dallo studio brasiliano.
In chiusura di giornata "Copacabana Night&Day", sempre con la coppia Bonan-Di Marzio



CON QUALI PACCHETTI SI VEDRANNO I MONDIALI? I Mondiali saranno visibili a tutti gli abbonati a entrambi i pacchetti Sport e Calcio. Chi è abbonato al solo pacchetto Sky Sport o al solo Sky Calcio, potrà arricchire il proprio abbonamento con il pacchetto mancante. In alternativa, è possibile acquistare il “Pass Mondiali” che, a 59 euro una tantum, offre anche la possibilità di godere da subito e fino al 24 agosto dell’intera prrammazione di un altro pacchetto a scelta tra Sky Cinema, Sky Sport o Sky Calcio senza ulteriori costi o impegni aggiuntivi: alla scadenza, la visione si interromperà automaticamente senza ulteriori impegni.

TWITTER - L'hashtag ufficiale di Sky Sport per Brasile 2014 sarà #SkyMondiali.

Aggiornamento 11/06 - Nella sezione dedicata ai commenti potete trovare ulteriori informazioni relative a "chi vede cosa". Purtroppo, spiace constatarlo, Sky è stata volutamente criptica nelle informazioni sui canali Sky Mondiali. Di fatto, i Mondiali saranno visibili solo ed esclusivamente a chi possiede entrambi i pacchetti Calcio e Sport. Chi ne possiede solo uno non vedrà nulla. Per poter vedere le 64 partite dovrà aggiungere il pacchetto mancante o acquistare il pass mondiali a 59€. Nessuna via di mezzo.

Per correzioni o integrazioni, vi invito a scrivere qui sotto nell'area commenti.


venerdì, maggio 16, 2014

"Terroni", borraccia rubata e solidarietà: al Giro tutto e il contrario di tutto

Il tifo ciclistico e la fatica dei corridori sono due dei cliché più utilizzati per descrivere la bellezza del ciclismo. Spesso i tifosi del ciclismo sono citati come modello, in contrapposizione a quelli del calcio (poco importa se, a volte, si tratti delle stesse persone e se i due sport siano per natura diversi). I corridori sono giustamente elogiati per le immani imprese cui sono costretti e sulle strade l'incitamento è lo stesso per il campione più osannato e per l'ultimo dei gregari.
Ieri, nella 6a tappa del Giro 2014, la Sassano-Montecassino, si sono verificati due episodi deprecabili. Al passaggio a Nocera un corridore ha pensato bene di urlare "Terroni!" al pubblico presente a bordo strada. Ai piedi della salita di Montecassino, dopo una caduta di dimensioni storiche, una persona ha rubato borraccia e casco al povero Caruso che stava per essere portato via in ambulanza.

Qui il video con l'urlo "Terroni":



AGGIORNAMENTO: il caso dell'urlo "Terroni" si è parzialmente sgonfiato dopo la confessione di Valerio Agnoli (Astana).

Questo invece il video in cui si nota lo spettatore che porta via casco e borraccia di Caruso:



Il ciclismo, al netto del cancro doping, resta però uno sport sublime, ricchissimo di valori e umanità. A dimostrarlo un altro piccolo episodio, accaduto sempre negli attimi successivi alla caduta di Caruso. Una signora, mossa a compassione, si è avvicinata al povero ciclista della Katusha steso a terra, sorreggendo un ombrello e mettendolo così al riparo dalla pioggia:



In pochi chilometri, tutto e il contrario di tutto. Anche questo è Giro d'Italia.

Ps, ci sarebbe molto da scrivere anche sull'incredibile autogol della Rai che, al Processo alla Tappa, ha invitato in qualità di giudice (con tanto di trono) Mario Cipollini. Sul tema mi sono già espresso, ma consiglio l'ottimo articolo "Cipollini Santo: Italia senza memoria e dignità" del blog di cycling pro.



venerdì, maggio 09, 2014

Giro d'Italia 2014 - Lo Speciale di Blog-In: tutte le informazioni

Parte oggi  da Belfast (Irlanda del Nord) il Giro d'Italia 2014, edizione numero 97). Penso sia abbastanza inutile affrontare l'annosa polemica "ma perché si parte dall'estero e non si attraversano alcune Regioni italiane?". Soldi, marketing e globalizzazione sono le tre parole chiave. Non dico se sia giusto o sbagliato. E' semplicemente così, ed è un discorso che vale per tutte le corse a tappe. Basti pensare che lo scorso anno il Giro di Polonia partì dalla....Val di Sole (Trento).

Tre considerazioni sul Giro 2014:
  1. La starting list è oggettivamente deboluccia. Mancano i tre principali interpreti delle corse a tappe (Froome, Contador, Nibali: li vedremo al Tour), non ci sono i due velocisti più forti in circolazione (Cavendish e Greipel), mancano i protagonisti delle Classiche e gli uomini più forti nelle corse di un giorno (Cancellara, Sagan, Gilbert). Dovrebbe essere perciò un Giro aperto a nuovi protagonisti - per l'Italia occhio a Fabio Aru (in salita) ed Elia Viviani (in volata) - e, sulla carta, abbastanza equilibrato. La presenza di Nairo Quintana, dato in ottima condizione, assicurerà spettacolo ed emozioni nelle tappe di montagna. La speranza è di non assistere ad un Giro tecnicamente modesto come quello del 2012 (ad onor del vero anche nel 2013, Nibali a parte, non si vide molto). In questo post un'analisi dei favoriti.
  2. Il percorso studiato da RCS è molto interessante. Sarà un Giro d'Italia in crescendo, col gran finale del 31 maggio sullo Zoncolan. Prima parte abbastanza "facile" in cui la classifica dovrebbe restare piuttosto corta. Il primo spartiacque sarà la cronometro della 12a tappa (Barbaresco-Barolo). Da lì in poi ci saranno tantissimi chilometri in salita: Oropa, Montecampione, Gavia-Stelvio-ValMartello, Valsugana, Cronoscalata del Montegrappa e Zoncolan alla penultima.
  3. Lo scorso anno la vittoria di Vincenzo Nibali oscurò le vicende doping che coinvolsero Danilo Di Luca e Mauro Santambrogio. L'auspicio è che per tre settimane abbondanti si possa parlare solo di ciclismo e di quanto sia speciale il Giro d'Italia.

Blog-In come da consolidata abitudine, seguirà da vicino la Corsa Rosa. Come sempre, potrete trovare tutte le informazioni utili nella pagina dedicata al Giro

martedì, maggio 06, 2014

Giro d'Italia 2014 - Tappe, Percorso, Altimetrie, Salite

Il Giro d'Italia 2014 promette spettacolo. Il percorso studiato da Rcs per la 97a edizione della Corsa Rosa, infatti, sarà un crescendo di difficoltà ed emozioni. Certo, come recita un vecchio adagio ciclistico, "la corsa la fanno i corridori". Occorrerà capire se i protagonisti attesi (Quintana, Joaquim Rodriguez, Uran, Evans) arriveranno in forma e motivati al Giro (vedi elenco partenti Giro 2014). Ad ogni modo, ci sono tutte le premesse per assistere ad un'edizione di buona qualità della Corsa Rosa.

PERCORSO GIRO D'ITALIA 2014 - La novità è la partenza al venerdì per permettere la disputa di tre tappe in terra irlandese (Irlanda del Nord e Irlanda) e avere a disposizione un giorno per il trasferimento. Di fatto, con il riposo aggiuntivo dopo la terza frazione, al Giro 2014 non si correrà di lunedì. Non entro nell'annosa questione "perché disputare tappe all'estero, ignorando alcune regioni italiane?". Il conflitto "tradizione vs marketing" difficilmente troverà mai una soluzione ed è destinato ad inasprirsi in futuro. Venendo ad una breve analisi del percorso del Giro 2014, si può dire che si tratta di un tracciato equilibrato, con possibilità per tutti i tipi di corridori. Gli organizzatori hanno programmato un'ultima settimana (sulla carta) pirotecnica, con il malcelato auspicio che la Corsa Rosa si possa decidere sulle rampe dello Zoncolan alla penultima tappa.

Questo in estrema sintesi il percorso del Giro d'Italia (21 tappe per 3.449km):
  • 7 arrivi per velocisti
  • 5 tappe di media montagna
  • 6 tappe di montagna con 4 arrivi in salita
  • 2 cronometro individuali (1 cronoscalata)
  • 1 cronometro a squadre


TAPPE, ALTIMETRIE, SALITE GIRO D'ITALIA 2014 - Vediamo nel dettaglio percorso, tappe e altimetrie del Giro d'Italia 2014:

1^ Tappa - Venerdì 9 maggio: BELFAST - BELFAST (21,7km - Cronometro a squadre)
Partenza con una cronometro a squadre in terra nord-irlandese per il Giro 2014. Un tracciato di 21.1km che non dovrebbe generare distacchi troppo elevati nella generale. Sarà un percorso piuttosto veloce con poche curve secche e nessuna difficoltà altimetrica.

VINCITORE 1a TAPPA: ORICA GREENEDGE
MAGLIA ROSA: TUFT



























2^ Tappa - Sabato 10 maggio: BELFAST - BELFAST (218 km)
Come da tradizione la prima tappa in linea del Giro è riservata ai velocisti. Fa sorridere il fatto che siano previsti ben 2 GPM, rispettivamente a quota 261 metri e addirittura 78 s.l.m. Finale già scritto con volatona di gruppo. Gli uomini di classifica dovranno fare solamente attenzione a evitare cadute e ventagli.

VINCITORE 2a TAPPA: KITTEL
MAGLIA ROSA: MATTHEWS

























3^ Tappa - Domenica 11 maggio: ARMAGH - DUBLINO (187 km)
Dopo la due giorni a Belfast e dintorni, il Giro approda in Irlanda (dopo 75km di corsa). Anche l'arrivo di Dublino è dedicato alle ruote veloci.

VINCITORE 3a TAPPA: KITTEL
MAGLIA ROSA: MATTHEWS



























Lunedì 12 maggio -RIPOSO

4^ Tappa - Martedì  13 maggio: GIOVINAZZO - BARI (121 km)
Dopo la tre giorni in terra irlandese e il lungo trasferimento di martedì, il Giro approda in Puglia per la terza tappa pianeggiante su tre in linea. Dopo una trentina di chilometri si entra a Bari, per un circuito che prevede 9 giri da 9.6km: ancora volatona. Un fattore da non sottovalutare sarà quello climatico. Tra Irlanda e Puglia potrebbero esserci una quindicina di gradi di differenza.

VINCITORE 4a TAPPA: BOHUANNI
MAGLIA ROSA: MATTHEWS

























5^ Tappa - Mercoledì 14 maggio: TARANTO - VIGGIANO (200 km)
Ed ecco il primo arrivo in salita del Giro d'Italia 2014. Non si tratta di una tappa durissima, ma gli ultimi 5km di salita saranno certamente selettivi. Arrivo ideale per corridori veloci che tengono bene su salite inferiori ai 6-7km. Possibilità anche per le fughe da lontano.

VINCITORE 5a TAPPA: ULISSI
MAGLIA ROSA: MATTHEWS


























6^ Tappa - Giovedì 15 maggio: SASSANO - MONTECASSINO (247 km)
Ed ecco la prima "vera" tappa del Giro 2014: lungo chilometraggio e arrivo in salita a Montecassino. L'ascesa verso Montecassino non è particolarmente impegnativa (5% di media), ma servirà a tagliare dai giochi i velocisti puri. Possibilità per qualche fuga da lontano o per corridori in grado di imporsi in uno sprint con gruppo ristretto (30-40 atleti).

VINCITORE 6a TAPPA: MATTHEWS
MAGLIA ROSA: MATTHEWS

Questo il video con gli ultimi chilometri della salita di Montecassino:





7^ Tappa - Venerdì 16 maggio: FROSINONE - FOLIGNO (214 km)
Altra tappa sopra i 200km, senza però delle particolari difficoltà altimetriche. Il Valico delle Somma si trova a oltre 40km dal traguardo e le squadre dei velocisti avranno tutto il tempo per riorganizzarsi e condurre la corsa allo sprint finale di Foligno.

VINCITORE 7a TAPPA: BOUHANNI
MAGLIA ROSA: MATTHEWS




























8^ Tappa - Sabato 17 maggio: FOLIGNO - MONTECOPIOLO (174 km)
Dopo una settimana relativamente tranquilla, arriva la prima due giorni importante. In chiave marketing, perfetta la scelta di Rcs di piazzare nel weekend le prime frazioni di montagna del Giro 2014. La prima di queste prevede l'arrivo a Montecopiolo - Eremo Madonna del Faggio. Prima dell'ultima ascesa, però, altri due GPM collocati negli ultimi 50km di corsa. Dopo 125km di saliscendi, i corridori affronteranno il Cippo di Carpegna, salita divisa in due tronconi. Prima parte facile, ultimi 7km piuttosto impegnativi con pendenze attorno al 10%. Discesa di 18km e subito su verso le ultime due salite di giornata, spezzate da una brevissima discesa di 2km. Il primo tratto porta al Villaggio del Lago (9km al 7%), la seconda conduce al traguardo finale di Montecopiolo: 6km all'8% con tratto finale al 13%. Sarà il primo banco di prova per gli aspiranti al successo finale. Probabilmente i big non si muoveranno prima degli ultimissimi chilometri.



























VINCITORE 8a TAPPA: ULISSI
MAGLIA ROSA: EVANS




9^ Tappa - Domenica 18 maggio: LUGO - SESTOLA (174 km)
Tappa impegnativa che, tuttavia, non dovrebbe portare a degli scossoni in classifica generale. Dopo oltre 100km pianeggianti e il GPM di Sant'Antonio, si affronta una salita di media difficoltà come Rocchetta Sandri: 5km al 7%. Breve discesa e attacco della salita conclusiva di Sestola. Questa ascesa può essere divisa in tre tronconi: prima parte abbastanza pedalabile fino a Sestola, tratto impegnativo tra Sestola e Pian del Falco (4km al 9% con pendenza massima del 13%) e ultimi 3,5km molto facili. Difficile ipotizzare un attacco da parte di qualche big. Potrebbe essere l'occasione giusta per gli attaccanti di giornata.




VINCITORE 9a TAPPA: WEENING
MAGLIA ROSA: EVANS




Lunedì 19 maggio -RIPOSO


10^ Tappa - Martedì 20 maggio: MODENA -SALSOMAGGIORE TERME (184 km)
Dopo il secondo giorno di riposo i corridori affrontano la classica tappa di trasferimento che, salvo sorprese, dovrebbe portare al classico sprint.

VINCITORE 10a TAPPA: BOUHANNI
MAGLIA ROSA: EVANS


























11^ Tappa - Mercoledì 21 maggio: COLLECCHIO - SAVONA (249 km)
Sarà una frazione estremamente interessante che potrebbe favorire atleti coraggiosi e con buona resistenza. I big dovrebbero rimanere ben coperti in vista della cronometro del giorno successivo. Tappa lunghissima con due GPM impegnativi. Uno dopo pochi chilometri (Passo Cento Croci), l'altro (Naso di Gatto: 8km al 7%) la cui vetta dista soli 30 km dal traguardo di Savona. Picchiata e ritorno a Savona, attraversata già prima della scalata al Naso di Gatto.

VINCITORE 11a TAPPA: ROGERS
MAGLIA ROSA: EVANS


























12^ Tappa - Giovedì 22 maggio: BARBARESCO - BAROLO (Crono Individuale - 41,9 km)
Ci siamo. La Barbaresco-Barolo, crono individuale di 41.9km (il percorso è stato sostanzialmente modificato lo scorso febbraio) rappresenta il primo vero spartiacque del Giro 2014. Sarà una crono di difficile interpretazione su un tracciato ondulato che impedirà agli specialisti di sfare il vuoto. La prima parte è tutta in leggera salita (400 metri di dislivello in 12.6km). Discesa abbastanza semplice verso Alba, tratto pianeggiante e arrivo ancora in saliscendi. L'ultimo tratto è in leggera salita. Come detto, non è una crono per iper-specialisti, ma gli scalatori dovranno trovare da subito un buon ritmo, pena distacchi pesanti.

VINCITORE 12a TAPPA: URAN URAN
MAGLIA ROSA: URAN URAN























13^ Tappa - Venerdì 23 maggio: FOSSANO - RIVAROLO CANAVESE (158 km)
Tappa che si colloca tra la cronometro e la due giorni di montagna prevista per il weekend. Insomma, la classica frazione dedicata a velocisti o attaccanti di giornata. Vista l'altimetria, probabile penultima occasione di questo Giro 2014 per gli sprinter (l'ultima sarà quella di Trieste; più nervosa la frazione di Vittorio Veneto).

VINCITORE 12a TAPPA: CANOLA
MAGLIA ROSA: URAN URAN





























14^ Tappa - Sabato 24 maggio: AGLIE' - OROPA (164 km)
Frazione durissima con 2GPM e l'arrivo in cima al Santuario di Oropa. Qui la classifica subirà uno stravolgimento. I primi 83 km sono vallonati ma semplici. A Crevacuore inizia la salita più dura dlla giornata: Alpe di Noveis. Si tratta di un'ascesa di 9km al 7,9% di pendenza media con punte al 16%. Difficile ipotizzare attacchi così da lontano (al GPM mancheranno 70km al traguardo), ma un ritmo elevato potrebbe farsi sentire a fine tappa. Dopo la discesa - abbastanza tecnica - si sale verso il GPM di Bielmonte, salita lunga ma pedalabile, con un breve tratto al 13% e un altro in contropendenza. La tappa, però, si deciderà negli 11.8km che portano al Santuario di Oropa. Anzi, i veri distacchi ci saranno negli ultimi 6km quando le pendenze saranno costantemente tra il 7 e l'8%.

VINCITORE 14a TAPPA: BATTAGLIN
MAGLIA ROSA: URAN URAN


























































15^ Tappa - Domenica 25 maggio: VALDENGO - PLAN DI MONTECAMPIONE (217 km)
Dopo Oropa, gli organizzatori hanno voluto ricordare la figura di Marco Pantani con un'altra salita che ha reso celebre il Pirata: Plan di Montecampione. E' la scalata del duello con Tonkov al Giro d'Italia 1998. Per 200km i corridori pedaleranno in pianura, poi, una volta giunti a Pian Camuno a 18km dall'arrivo, inizia la salita di Plan di Montecampione. Si tratta di un'ascesa lunga e con pendenze costanti. Gli ultimi 5-6km saranno i più duri. Chi va in crisi qui rischia di prendere diversi minuti. Altra frazione da circoletto rosso.

VINCITORE 15a TAPPA: ARU
MAGLIA ROSA: URAN URAN
































































Lunedì 26 maggio -RIPOSO

16^ Tappa - Martedì 27 maggio: PONTE DI LEGNO - VAL MARTELLO (139 km)
L'ultima, pirotecnica settimana di Giro inizia con un tappone. Sarà la costante di questi ultimi giorni di corsa. La Ponte di Legno-Val Martello, riproposizione della tappa del 2013 annullata per neve, presenta un dislivello mostruoso. Per fortuna arriva dopo un giorno di riposo, ma dopo due settimane di corsa le energie cominciano a scarseggiare. Pronti via e si scalano i 18km del Gavia. Discesa ed ecco la Cima Coppi del Giro 2014: il Passo dello Stelvio (quota 2758 metri). I 21.7km di salita con pendenza media del 7,2% e massima del 12%. Pochi i tratti in cui poter respirare. Discesa tortuosa e lunghissima e lungo fondo-valle che, presumibilmente, frenerà eventuali coraggiosi attacchi sullo Stelvio. Così, molto probabilmente, la tappa si deciderà su un'altra salita superiore ai 20km, quella della Val Martello. Si tratta di un'ascesa abbastanza costante tra il 6 e l'8% con un ultimo tratto al 9%. Insomma, tempo permettendo, la classica tappa destinata a fare la storia della Corsa Rosa.

VINCITORE 16a TAPPA: QUINTANA
MAGLIA ROSA: QUINTANA









































































































17^ Tappa - Mercoledì 28 maggio: SARNONICO - VITTORIO VENETO (204 km)
Prima del trittico finale, il Giro presenta una frazione di media difficoltà, adattissima alle fughe da lontano. Non è la classica tappa pianeggiante. Gli ultimi 60km, infatti, sono estremamente nervosi con continui saliscendi. In particolare, l'ideale trampolino di lancio verso l'arrivo di Vittorio Veneto sarà il Muro di Ca' del Poggio (1km al 12% con punta del 19%), strappo durissimo già affrontato al Giro e al Campionato italiano del 2010. Qui, a meno di 20m dal traguardo, si potrebbe decidere la tappa.
Aggiungo che da queste parti si sta pensando concretamente alla partenza di una delle prossime edizioni del Tour de France. Conoscendo passione e competenza di alcuni dei promotori, ciò che fino a qualche anno fa poteva sembrare utopistico potrebbe diventare realtà.


VINCITORE 17a TAPPA: PIRAZZI
MAGLIA ROSA: QUINTANA



























18^ Tappa - Giovedì 29 maggio: BELLUNO - RIF. PANAROTTA (VALSUGANA) (171 km)
Con la Belluno-Rifugio Panarotta inizia la tre giorni decisiva del Giro 2014. Frazione dura che si deciderà sulle impegnative rampe della salita finale. Dopo il Passo San Pellegrino i corridori affronteranno un lungo tratto di discesa e falsopiano. Il Passo del Redebus presenta pendenze importanti ma è breve e lontano dal traguardo (scolllinamento a 50km dall'arrivo). Così, sarà la lunga e dura salita finale verso Rifugio Panarotta a decretare vincitore di tappa e distacchi nella generale. 15.8km con pendenza media dell'8% e due tratti al 14%. Dopo i primi 3km facili, la salita resta costante fino al traguardo. Chi ha gambe può fare la differenza.

VINCITORE 18a TAPPA: ARREDONDO
MAGLIA ROSA: QUINTANA































































19^ Tappa - Venerdì 30 maggio: BASSANO DEL GRAPPA - CIMA GRAPPA/CRESPANO DEL GRAPPA (Cronoscalata individuale 26,8 km)
La cronoscalata su una delle salite storiche del ciclismo dilettantistico promette spettacolo. Partenza da Bassano, 8km pianeggianti e su verso Cima Grappa. Salita lunghissima, con pendenze severe e pochissimi tratti in cui poter respirare. Una cronoscalata che ricorda molto quella all'Alpe d'Huez in un Tour di qualche anno fa. 26km che possono creare distacchi importanti.

VINCITORE 19a TAPPA: QUINTANA
MAGLIA ROSA: QUINTANA





































20^ Tappa - Sabato 31 maggio: MANIAGO -MONTE ZONCOLAN ( 167 km)
Ed eccoci giunti alla resa dei conti finale. Se, come tutti si augurano, la corsa per la maglia rosa dovesse essere ancora aperta, lo Zoncolan 2014 diventerebbe la cartolina di questo Giro. Tappa breve ma dalle difficoltà altimetriche impressionanti. Partenza da Maniago, la città dei coltelli, passaggio per San Daniele a approdo in Carnia. Qui inizia la vera tappa. Da Ampezzo si imbocca il Passo del Pura, salita inedita, estremamente dura. Dopo 3km semplici, i restanti 8 sono tra il 9 e il 13%. Qui si può già fare selezione. Breve discesa, approdo a Sauris ed ecco Sella Razzo, ascesa meno dura delle precedente, ma con un tratto finale dalle pendenze a doppia cifra. Lunghissima discesa ed ecco stagliarsi il Kaiser Zoncolan (versante di Ovaro). Non serve aggiungere molto, basta dare un'occhiata al dettaglio della salita qui sotto. Negli ultimi 10km si può decidere il Giro 2014. Il vincitore del Giro 2014 riceverà la benedizione della folla assiepata nello stadio naturale situato negli ultimi km dello Zoncolan. Apoteosi.

VINCITORE 20a TAPPA: ROGERS
MAGLIA ROSA: QUINTANA


























































































21^ Tappa - Domenica 1 giugno GEMONA DEL FRIULI - TRIESTE (169 km)
E' la classica passerella finale, assolutamente meritata dopo le fatiche di un Giro estremamente impegnativo. Partenza da Gemona, transito lungo le dolci pendenze del Collio e circuito finale a Trieste. Volatona e festa finale per tutti.

VINCITORE 21a TAPPA: MEZGEC
MAGLIA ROSA: QUINTANA


























*immagini e dati da gazzetta.it



lunedì, maggio 05, 2014

Federico Buffa e Sergio Tavcar a "Goal a Grappoli 2014" - Video integrale

Federico Buffa e Sergio Tavcar a confronto. Per un appassionato di basket - e di sport in generale - è il non plus ultra. E' accaduto giovedì 30 aprile 2014 a Cormons (Gorizia) in occasione di "Goal a Grappoli". "Personaggi, storie e punti di vista: il calcio ed il basket nel Nuovo e nel Vecchio Continente": cultura sportiva elevata all'ennesima potenza. Tra aneddoti, battute, ritratti ed escursioni extra-sportive, Buffa e Tavcar hanno attinto alla loro sterminata conoscenza sportiva (e non), confessando stima reciproca e deliziando per due ore il pubblico in sala. Sergio Tavcar è salito subito in cattedra. Presentazione. Parte il video della finale di Coppa delle Coppe di basket del 1989 tra Juve Caserta e Real Madrid commentata dallo stesso Tavcar. Il moderatore chiede al telecronista di Tv Koper: "Che emozioni provi a rivedere quelle immagini a distanza di anni?". Risposta: "Emozioni poche. Dovunque vado vengo presentato con questo video. L'ho visto milioni di volte". Numero uno incontrastato.
A fare gli onori di casa (è proprio di Cormons) un altro mostro sacro del pensiero sportivo, Bruno Pizzul.

Qui sotto il video integrale del confronto Buffa-Tavcar [DA 54' 50"]. Buon divertimento.




immagine da dailybasket.it
video da Fvgsportchannel Web TV

La prima e la terza maglia del Milan 2014/2015

Come già avvenuto negli ultimi anni, saranno le ultime due giornate di campionato a dare il battesimo del campo alla prima ed alla terza maglia del Milan per la stagione 2014/15.
Domenica 11 maggio 2014, nell’anticipo delle 12.30 contro l’Atalanta, i calciatori del Milan scenderanno in campo con la terza maglia: un'inedita divisa giallo/verde che richiama i colori del Brasile. Si tratta di un omaggio alla nazione che ospiterà fra poco più di un mese la Coppa del Mondo di calcio e che da sempre nutre un forte legame con il Milan. Sono infatti numerosi i  campioni brasiliani che, oggi cosi come in passato, hanno vestito la maglia del Club rossonero conquistando il cuore di milioni di tifosi in tutto il mondo. Anche per questo motivo, il Brasile è da sempre tra i primi paesi al mondo dove il Milan conta il maggior numero di tifosi e simpatizzanti.
Domenica 18 maggio 2014, nella gara a San Siro contro il Sassuolo, farà invece il suo esordio la nuova maglia rossonera per la stagione 2014/15: un design particolarmente innovativo che rivisita le tradizionali strisce rossonere.
Particolarità per  tutte le nuove divise: nomi e numeri dei calciatori saranno scritti in Milan Type, il nuovo font ufficiale del Club.
La terza maglia è in vendita da oggi in tutti i negozi e sui canali ecommerce adidas e Milan a livello internazionale, mentre la nuova maglia rossonera sarà disponibile a partire da domenica 18 maggio.

Design della prima maglia
Per la prima volta le strisce rossonere hanno dimensioni e tonalità diverse: ci sarà una striscia nera centrale più ampia con le altre 4 più sottili, mentre quelle rosse avranno 2 sfumature di colore differenti al proprio interno. Le tre strisce adidas sono bianche mentre sulle spalle c’è un inserto tricolore, leitmotiv delle ultime collezioni Milan-adidas.
Forte richiamo alla tradizione in questa maglia: sul petto dei calciatori e dei tanti tifosi che la indosseranno ci sarà la Croce di San Giorgio, storico elemento dello Stemma della città di Milano.
La Croce è già stata utilizzata in passato dal Club per le divise rossonere, con precisione dall’anno della fondazione sino agli anni ’40 ed anche in occasione del centenario del Milan. All’interno della Croce, tono su tono, l’attuale logo del Milan. Pantaloncini bianchi con le tre strisce rosse.






Design della terza maglia
Maglia gialla con le tre strisce verdi e logo dello Sponsor FLY EMIRATES in verde. Dettagli rossoneri sulle maniche e sulle spalle.Pantaloncini verdi con le tre strisce bianche.


Tecnologia adizero
Le nuove divise consentiranno ai giocatori di essere più veloci e comodi in campo, sono infatti realizzate con un tessuto ultraleggero che aumenta la traspirabilità e garantisce maggiore libertà di movimento e comfort senza rinunciare ad elasticità e resistenza.

Siamo particolarmente orgogliosi di presentare queste nuove divise che ci permettono di unire tradizione e innovazione” ha dichiarato Jean Michel Granier Amministratore Delegato adidas South Europe. "La prima maglia rappresenta una novità dal punto di vista del design e dei colori mentre la terza  vuole essere un link perfetto con i Mondiali FIFA 2014 in Brasile, manifestazione di cui siamo sponsor e fornitori del pallone ufficiale sin dal 1970. Un evento legato quindi in maniera indissolubile alle tre strisce e che sarà lo scenario perfetto per mostrare la forza del nostro brand attraverso l’eccellenza di un portfolio di asset e prodotti che solo adidas può offrire”.
"Siamo molto contenti del lavoro che abbiamo svolto anche quest’anno con adidas, unendo come sempre la nostra tradizione a tecnologie all'avanguardia e a un design innovativo che concilia le più moderne tendenze stilistiche alla lunga storia dei nostri colori” ha dichiarato Jaap Kalma, Direttore Commerciale AC Milan. “La terza maglia della prossima stagione è speciale: un omaggio al Brasile, paese con una forte tradizione calcistica  e che sarà da poco il centro del mondo del calcio. Da sempre il nostro Club ha un legame speciale con questo paese e questa maglia è un omaggio anche ai milioni di tifosi rossoneri in  Brasile che da sempre ci sostengono con un affetto immenso".


sabato, maggio 03, 2014

Giro d'Italia 2014 - La tappa dello Zoncolan (Maniago-Monte Zoncolan, 31 maggio): altimetria, salite, orari di passaggio

La 20esima tappa (Maniago-Monte Zoncolan, 167km), in programma sabato 31 maggio, è destinata a fare la storia del Giro d'Italia 2014. Come visto nella presentazione tappa per tappa della Corsa Rosa 2014, gli organizzatori hanno inserito lo Zoncolan alla penultima tappa, nella speranza che il Giro si possa decidere sulle rampe micidiali del "Mostro" (o "Kaiser"). Sarà il quinto arrivo del Giro sullo Zoncolan, affrontato tre volte dal versante di Ovaro e una da quello di Sutrio. Questo l'albo d'oro: Gilberto Simoni 2003 (da Sutrio) e 2007 (da Ovaro), Ivan Basso 2010, Igor Anton 2011.
Frazione interamente friulana - salvo una breve escursione in provincia di Belluno - che si snoda tra le province di Pordenone e Udine. Il chilometraggio non è particolarmente lungo (167km), ma le difficoltà altimetriche sono clamorose. 
Questa la mappa con la planimetria della 20esima tappa del Giro 2014 (Maniago-Monte Zoncolan):

Maniago - Monte Zoncolan (planimetria)

































Questa invece l'altimetria:

Maniago - Monte Zoncolan (altimetria)




PRESENTAZIONE TAPPA - Partenza da Maniago, la "Città dei Coltelli" e primi 92km pianeggianti con passaggio per San Daniele del Friuli, Lago dei 3 Comuni e approdo in Carnia. Ad Ampezzo inizia la tappa vera e propria. Si sale infatti sull'inedito Passo del Pura, salita di 11,25 km che nel tratto centrale presenta pendenze costanti al 9-10%. Breve discesa, approdo a Sauris ed ecco Sella Razzo, ascesa meno dura delle precedente, ma con un tratto finale dalle pendenze a doppia cifra. Segue una lunghissima e veloce discesa - quasi 30km - che porterà i corridori ad Ovaro. Qui si svolta a sinistra e si entra nell'abitato di Liariis: inizia la salita verso il Mostro. Pendenza media dell' 11,5%, tratti al 20%, 1.210 metri di dislivello in soli 10,5 km. Impressionante. I primi 2km sono "facili". Terminate le abitazioni ha inizio il vero e proprio Zoncolan. Si sale costantemente tra il 12 e il 18% fino alle tre gallerie situate a poco più di un km dall'arrivo. Gli ultimi 650 metri - con le decine di migliaia di spettatori assiepate nello "stadio naturale"  - tornano ad essere durissimi con pendenze tra l'11 e il 16%. Una salita che non lascia respiro. Se la lotta per la maglia rosa dovesse essere ancora aperta, assisteremmo ad una delle frazioni più spettacolari degli ultimi anni.

Di seguito il dettaglio delle tre salite che i corridori affronteranno: Passo del Pura, Sella Razzo e Monte Zoncolan (versante di Ovaro):

Passo del Pura - Dettaglio

Sella Razzo - Dettaglio
Monte Zoncolan - Versante Ovaro



































ORARI DI PASSAGGIO (CRONOTABELLA) - A che ora passa il Giro a...? Per soddisfare la classica domanda di appassionati o semplici curiosi, ecco gli orari di passaggio (cronotabella) della tappa dello Zoncolan, in programma sabato 31 maggio 2014. I Comuni e le frazioni toccati dalla 20esima tappa (Maniago-Monte Zoncolan) saranno i seguenti:

MANIAGO - COLLE - SEQUALS - LESTANS - VALERIANO - PINZANO AL TAGLIAMENTO - SAN PIETRO - RAGOGNA - SAN DANIELE DEL FRIULI - MAJANO - MADONNA DI BUJA - BUJA - LESSI - OSOPPO - BRAULINS - BORDANO - INTERNEPPO - SOMPLAGO - CAVAZZO CARNICO - PONTE SUL TAGLIAMENTO - TOLMEZZO - VILLA SANTINA - ENEMONZO - SOCCHIEVE - AMPEZZO - PASSO DEL PURA - LAGO DELLA MAINA - SAURIS DI SOTTO - SAURIS DI SOPRA - SELLA RAZZO - BIVIO PER PESARIIS - FORCELLA DI LAVARDET - PESARIIS - PRATO CARNICO - PONTE SUL TORRENTE DEGANO - OVARO - LIARIIS - MONTE ZONCOLAN

Gli orari di passaggio (cronotabella) della tappa dello Zoncolan al Giro 2014









VIDEO PRESENTAZIONE ZONCOLAN - Qui sotto il video girato da Cassani e Boglia sulle rampe dello Zoncolan (in loro compagnia Ivan Basso in maglia Discovery Channel, qualche mese prima di essere squalificato per il coinvolgimento nell'Operacion Puerto):





* dati e immagini da gazzetta.it e dal "Garibaldi"

venerdì, maggio 02, 2014

Giro d'Italia 2014 in Tv su Rai Sport 2, Rai 3 ed Eurosport

Come visto nel post sui diritti televisivi sportivi, la Rai ha rinnovato il contratto con RCS per la trasmissione del Giro d'Italia fino al 2016. Per l'edizione 2014 della Corsa Rosa, Rai e Raisport proporranno diverse novità. In particolare, per la prima volta gli spettatori Rai potranno godersi il Giro in Alta Definizione (HD) con le tappe di alta montagna coperte dalle riprese "Ultra slomo". In più, per entrare ancora di più nella corsa, sono previste micro-camere e collegamenti live con le ammiraglie
Il canale di riferimento del Giro 2014 sarà Rai Sport 2 dove andranno in onda tutti i programmi e le dirette delle tappe. Rai 3 trasmetterà in simulcast le battute conclusive delle tappe, il "Processo alla tappa" e una parte di "Giro Mattina". Da segnalare anche la collaborazione Rai Educational - Rai Storia che produrranno la trasmissione "Viaggio nell'Italia del Giro", in onda su Rai Sport 2 e Rai Storia. Il programma analizzerà le 18 frazioni italiane dal punto di vista storico, artistico, letterario, economico e culturale.




GIRO 2014 SU RAI SPORT - PROGRAMMI E COMMENTATORI: come da tradizione, il palinsesto Rai per il Giro sarà molto articolato.Come detto, tutte le trasmissioni andranno in onda su Rai Sport 2. La novità più interessante riguarda il ritorno del programma mattutino (per intenderci quello dal villaggio di partenza). Si chiamerà "Giro Mattina", sarà condotto da Marco Fantasia con ospiti fissi Marino Bartoletti e Paolo Belli. “Giro Mattina” andrà anche su Raitre in uno spazio definito (durante la settimana alle 12.25 per venti minuti, il sabato alle 11.40 e la domenica alle 12.55, sempre per venti minuti). La giornata rosa televisiva, in realtà, inizierà alle 08.00 con la replica della tappa precedente e del TGiro. Alle 11.00 "Viaggio nell'Italia del Giro". Dalle 14.00 Alessandra De Stefano introdurrà i temi della giornata con "Anteprima Giro". La palla passerà poi a Francesco Pancani e Silvio Martinello per la telecronaca della tappa. Dalle moto gli interventi di Andrea De Luca e Massimiliano Lelli. Al termine della tappa ecco il consueto "Processo alla Tappa", condotto da Alessandra De Stefano con ospiti fissi Beppe Conti e Stefano Garzelli. Alle 20.00 Andrea De Luca condurrà assieme a Max Lelli il "TGiro", classico riassunto di giornata. Alle 22.00 circa andrà in onda la replica della tappa. Al termine il "Giro Notte", privo di conduzione e confezionato con delle slides.

GIRO 2014 SU EUROSPORT - PROGRAMMI E COMMENTATORI: tutte le 21 tappe della 97esima edizione della “corsa rosa”, per un totale di oltre 70 ore LIVE, saranno trasmesse in diretta su Eurosport, con la replica delle stesse che andrà in onda ogni sera, dalle 20:30 alle 22:00, su Eurosport 2.
I commentatori della corsa rosa per Eurosport Italia saranno Salvo Aiello e Riccardo Magrini.
Gli abbonati a Eurosport Player, il servizio di online simulcast di Eurosport, potranno seguire le tappe del Giro d’Italia in diretta o on-demand su PC, dispositivi mobile iOS e Android, nonché da connected TV. Aggiornamenti in tempo reale saranno disponibili sul sito ufficiale (it.eurosport.yahoo.com) e tramite l’applicazione Eurosport.