domenica, ottobre 14, 2012

L'Inchiesta di Repubblica sulla Casta dello Sport. Il clamoroso caso della Federazione Italiana Pentathlon Moderno

A pochi mesi dall'elezione del nuovo presidente del CONI (in lizza Raffaele Pagnozzi e Giovanni Malagò, con il primo in vantaggio), sta suscitando molto clamore l'inchiesta condotta da La Repubblica sulla cosiddetta "Casta dello Sport". Il quotidiano diretto da Ezio Mauro, sia nella specifica sezione del sito (vedi), che nelle edizioni cartacee, ha pubblicato due puntate di questo speciale. In tempi di ristrettezze economiche e di spending review era inevitabile un'indagine sui costi dello sport italiano (finanziato dallo Stato). Come si vedrà dai dati pubblicati, si può dire che, quantomeno, alcune Federazioni farebbero bene a chiarire determinate spese.
La Repubblica parte da un dato: il CONI riceve dal Tesoro 408,9 milioni di euro l'anno (bei tempi quelli dell'autofinanziamento tramite Totocalcio...) ma solo la metà è destinata ad attività sul campo. Il resto serve a far funzionare la macchina: rimborsi spese, dirigenze e rappresentanza. Repubblica si è presa la briga di andare più a fondo, cercando di capire in che modo le singole Federazioni Sportive gestiscono questi conferimenti. Impresa tutt'altro che semplice vista la difficoltà di reperire alcuni bilanci o, in determinati casi, la genericità di alcune voci di spesa.
Da tener presente che il CONI è un ente pubblico, mentre le singole Federazioni sportive hanno natura privata (seppur svolgano anche attività di tipo pubblicistico).

FEDERAZIONE PENTATHLON MODERNO (FIPM) - Il caso della Federazione Italiana Pentathlon Moderno è clamoroso. Pubblico l'estratto dell'articolo di Repubblica (vedi pezzo completo):

La Federazione italiana di pentathlon moderno (FIPM) non ha mai pubblicato né il bilancio né il nuovo statuto (modificato da quasi un anno e inviato solo in questi giorni al Coni per l'approvazione). Nessuna delle società li ha mai richiesti, a parte l'Athlion. Buona parte di queste società sono infatti società fantasma, create ad hoc dalla federazione stessa per assicurare i voti all'attuale presidente, Lucio Felicita, in carica dal 1996. Quell'anno infatti lo statuto venne modificato per concedere diritto di voto a ogni società con almeno un atleta che avesse partecipato almeno a una gara. Dal bilancio che siamo riusciti a trovare, la federazione nel 2011 ha ricevuto 2,9 milioni di euro dal Coni, di cui ne ha spesi 2,3. "In Italia ci sono circa 140 società per un totale di 300 tesserati. Assurdo. Decine di queste società sono di Pesaro, la città di Felicita" dice Gianni Caldarone, tecnico Fipm ed ex azzurro. "E proprio a Pesaro dovrebbe sorgere il futuro "centro di pentathlon moderno" con una piscina da 25 metri senza tribune, con una sala scherma con solo 4 pedane che diventa anche palestra di tiro. Peccato che la sala sia al secondo piano dell'edificio, quindi è impossibile fare la prova di combined (corsa e tiro). Mancano la foresteria, il campo da equitazione e un percorso intorno per la corsa, in compenso ci sono il centro estetico e il ristorante. L'impianto sarà gestito da una società sportiva, sicuramente una delle 14 riconducibili al presidente". Solo il progetto è costato 230mila euro, spesa finita nel 2008 e 2009 sotto la voce "incarichi studio e ricerca" (143mila euro), nel 2010 e 2011 sotto la voce "immobilizzazioni" (106mila euro). La spesa preventivata è di 7 milioni, ma il mutuo richiesto al credito sportivo è di 7,5 milioni. Tanto per fare cifra tonda. "La federazione per finanziare questo progetto risparmia sugli atleti e gli impianti" continua Caldarone. "Ci sono 307mila euro per le trasferte e i soggiorni quando gli atleti della nazionale viaggiano in pulmino di notte per risparmiare sull'aereo; 27mila euro di diarie, quando al massimo solo le 9 promesse olimpiche ricevono 200 euro al mese di rimborso spese dietro pressioni dell'Assipenta, 332mila euro di "prestazioni", ossia i compensi per gli istruttori di nuoto che guadagnano solo 8 euro lorde l'ora, senza contratto. In stage e allenamenti vengono spesi 71mila euro, peccato che si faccia tutto a costo zero nel centro di Roma". Poi ci sono 2.486 euro di corsi mai organizzati, 34mila euro di spese per posta e telefono, una bella bolletta per 16 dipendenti. Solo di gettoni di presenza  del consiglio federale sono stati spesi 37mila euro, oltre 20mila euro di buoni pasto, non per gli atleti. La cosa clamorosa poi è l'"acquisto materiali sportivi" quando agli atleti nazionali in quattro anni è stato dato poco o nulla in tal senso. "Il centro federale di Montelibretti è completamente lasciato a se stesso eppure assorbe 534mila euro di manutenzione ordinaria" dice il tecnico, "non è stato neanche riparato il lampione abbattuto nel 2008 dal temporale e che però ha fatto lievitare la spesa di manutenzione da 300mila euro del 2007 a 607mila del 2008. E non si è lesinato sul cambio delle autovetture di "servizio" e sulle spese di "rappresentanza"". E che dire degli spiccioli? Le "altre spese" sfiorano quota 100mila euro. Però il presidente Felicita non percepisce neanche un euro. O almeno nel bilancio non figura.

FEDERTENNIS (FIT) E FEDERNUOTO (FIN) - Nella seconda puntata dell'inchiesta, Repubblica si è occupata di 2 Federazioni tra le più importanti: FIT e FIN. Per la Federazione Italiana Tennis, fari puntati sulla gestione del canale Supertennis Tv (vedi). Per quanto riguarda la Federazione Italiana Nuoto, invece, il dato principale è la grande genericità delle voci di bilancio. Moltissime e ingenti "spese generali", altrettante "spese varie" per la seconda Federazione più finanziata dal CONI (10,5 milioni di euro nel 2011).  Vedi articolo completo

FIDAL, DANZA SPORTIVA, PUGILATO, PALLAMANO, SQUASH - La terza puntata dell'inchiesta di Repubblica si sofferma sulla FIDAL, terza Federazione per conferimenti ricevuti dal CONI (8,2 milioni di euro nel 2012). Interessante l'approfondimento su strutture e borse studio degli atleti. Si parla poi di altre Federazioni. In particolare nel caso della Pallamano (FIGH, Federazione Italiana Gioco Handball) riemerge il problema delle società fantasma. 

Proprio oggi, domenica 14 ottobre, è stato rieletto presidente FIN il senatore della Repubblica Paolo Barelli. Sull'elezione odierna segnalo un editoriale molto interessante di Marcel Vulpis, direttore di Sporteconomy.it. Vulpis si sofferma sui programmi (?) dei tre candidati alla presidenza e lancia una sfida per il 2016...