venerdì, giugno 22, 2012

Euro 2012 - Italia-Inghilterra: analisi, presentazione e quote scommesse

Domenica alle ore 20.45 Italia e Inghilterra si affrontano a Kiev nell'ultimo quarto di finale di Euro 2012. La maggior parte dei media italici si stanno avvicinando all'evento parlando delle seguenti cose: Balotelli, Capello (e dei disparati meriti italiani per cui l'Inghilterra è arrivata ai quarti), Wags e ancora Balotelli (di dubbio gusto la prima pagina della Gazzetta di ieri). Blog-In presenta la sfida tra Italia e Inghilterra sotto il profilo tecnico.

ITALIA - Fin qui gli azzurri hanno disputato un Europeo da 6.5. Nella prima partita contro la Spagna hanno tenuto testa agli iberici meritando il pareggio. Il 3-5-2 ha funzionato bene, seppur con un vistoso calo fisico negli ultimi 20 minuti. Discorso simile per il match contro la Croazia. Sempre 3-5-2, buon primo tempo e ripresa con evidente flessione. Oltre all'aspetto fisico, in quest'ultima partita l'Italia ha palesato una mentalità non proprio da grande squadra. Anziché cercare di chiudere il match (e di fatto la qualificazione) gli azzurri hanno puntato al mantenimento del risultato, arretrando il baricentro. Tipico atteggiamento delle squadre italiane. L'errore di un singolo (Chiellini) ha finito per condannare l'Italia ad un altro 1-1 e al classico match da dentro o fuori nell'ultimo turno. Sorvoliamo sull'avvicinamento mediatico al match (sul'argomento biscotto si è espresso magistralmente Arrigo Sacchi). L'Irlanda era l'avversario più debole del girone e l'Italia ha giocato la sua peggior partita in termini di gioco e personalità (emblematico un replay a 10 minuti dal termine in cui Prandelli e i giocatori guardavano nervosamente il cronometro). Contro la formazione del Trap il ct azzurro ha rispolverato il 4-3-1-2 adottato durante le qualificazioni. Mi sono già espresso sulla questione modulo alla vigilia degli Europei (vedi) e, alla luce delle prestazioni, ribadisco a maggior ragione il mio pensiero sulla preferibilità del 3-5-2. Ciò per due semplici ragioni: 1- interpreti a disposizione (e mancanza di un trequartista di livello); 2- conoscenza di questo sistema di gioco da parte di molti azzurri. 
Giocando con il 3-5-2 l'Italia potrebbe schierarsi così:

      Buffon
     Barzagli-De Rossi-Bonucci
     Maggio-T.Motta(Nocerino)-Pirlo-Marchisio-Balzaretti(Giaccherini)
    Cassano(Di Natale)-Balotelli

In questa formazione ho inserito Balzaretti al posto di Giaccherini perché più adatto a giocare in quel ruolo. Inoltre, al posto di un Thiago Motta piuttosto involuto, Nocerino, con la sua freschezza e il suo dinamismo potrebbe risultare molto utile nei raddoppi e negli inserimenti offensivi (sulla sinistra l'Inghilterra ha palesato qualche imbarazzo in fase difensiva). Di Natale-Balotelli, con Cassano pronto a subentrare, potrebbe essere la coppia giusta per scardinare la difesa di Hodgson. In particolare l'attaccante dell'Udinese, con la sua velocità e i suoi movimenti in profondità sul filo del fuorigioco, potrebbero causare qualche difficoltà alla coppia Terry-Lescott. 
Se invece Prandelli dovesse optare per il 4-3-1-2, la formazione sarebbe assai simile a quella vista contro l'Irlanda:
Buffon
    Abate-Barzagli-Bonucci-Balzaretti
     De Rossi-Pirlo-Marchisio
T.Motta
  Cassano(Di Natale)-Balotelli

INGHILTERRA - A scanso di equivoci, è l'Inghilterra di Roy Hodgson. E' bene precisarlo perché i media nostrani sono molto abili (?) nel condurre il seguente giochetto: nel momento in cui la squadra va bene i meriti sono da dividere con Fabio Capello (e qualcuno si è spinto persino a dire che c'è qualcosa anche di Di Matteo); nell'eventualità in cui l'Inghilterra fosse stata eliminata si sarebbe certamente detto "potevano tenersi stretto Capello". Beninteso, Capello è un grande tecnico ma il campanilismo italico è spesso fastidioso.
L'Inghilterra si schiera con un 4-4-2 o, per meglio identificare la formazione che affronterà l'Italia, con un 4-4-1-1. Il ritorno di Wayne Rooney, infatti, ha permesso a Hodgson di modificare la disposizione offensiva. Nella fotografia di Zonal Marking il sistema di gioco inglese nell'ultimo match contro l'Ucraina.
Si nota come la difesa a 4 davanti ad Hart (a proposito, il portiere del Manchester City non sarà un fenomeno, ma non è nemmeno così scarso come vogliono far credere alcuni sedicenti esperti sentiti in Tv) sia molto bloccata. In effetti Johnson e Cole limitano molto le loro discese sulle corsie. Terry e Lescott formano una buona coppia centrale, anche se potrebbero patire i giocatori tecnici e rapidi (Di Natale). Il centrocampo inglese è ben assortito. Gerrard è tornato su ottimi livelli, giocando a tutto campo e appoggiando le azioni offensive. Parker copre le spalle al capitano del Liverpool, mentre Milner, spesso, finisce per giocare da terzo centrocampista centrale anziché restare largo sulla destra. A sinistra Young gioca da ala, anche se l'ex Aston Villa non ha brillato in zona offensiva (e in fase difensiva ha palesato alcuni limiti, mettendo talvolta nei guai Ashley Cole). L'assenza di Lampard, pur togliendo qualità e inserimenti  in zona offensiva, ha fatto bene a Gerrard e all'equilibrio della mediana inglese. Come detto, Rooney parte da dietro, svariando su tutto il fronte offensivo (con predilezione per il centrosinistra). Il centravanti dovrebbe essere Welbeck, fin qui convincente solo in occasione del gol - meraviglioso - contro la Svezia. Possibile la staffetta con Carroll. Theo Walcott dovrebbe partite dalla panchina ed entrare nella ripresa. L'esterno dell'Arsenal è in grado di mettere in difficoltà il fianco sinistro azzurro.
Nel complesso si tratta di un 4-4-1-1 tradizionale, con poche variazioni sul tema. Buona  organizzazione difensiva e più lanci a scavalcare la metà campo che possesso palla. Il plus è dato dalla forza mentale della squadra e dalla classe/esperienza di alcuni interpreti (Terry, Gerrard e Rooney su tutti).
Infine, per quanto concerne le palle inattive, le due squadre non hanno un paio di saltatori buoni a testa, ma le vere insidie per le difese potrebbero arrivare dalle traiettorie (dirette o indirette) velenose di Pirlo e Gerrard.

In definitiva le due squadre si affronteranno con due sistemi di gioco diversi e ciò potrebbe determinare una partita discretamente aperta. Tuttavia, è più probabile che, considerando posta in palio e buona organizzazione difensiva di entrambi i team, il match sia piuttosto equilibrato (almeno nella prima parte), aprendosi maggiormente nel secondo tempo.

QUOTE SCOMMESSE - Secondo i bookmakers Italia-Inghilterra è sfida dal pronostico assai incerto. Quote Better per Italia-Inghilterra: 1. 2.55  X. 3.15  2. 2.85

Domenica ore 20.45 ci saranno molto milioni di italiani incollati alla Tv. Come per un altro, famosissimo Inghilterra-Italia...