mercoledì, aprile 21, 2010

Calciopoli 2: facciamo chiarezza/2, squadre e soggetti coinvolti nelle 74 intercettazioni

Siccome a livello di media nazionali si continua a fare della disinformazione e la faziosità unita alla scarsa dimestichezza con la materia giuridico-sportiva regnano sovrane, ho pensato fosse necessario scrivere un secondo post per cercare di fare chiarezza su quanto stia emergendo in questa nuova ondata di intercettazioni, scovate dalla difesa di Moggi nel corso del processo penalòe di Napoli. Intercettazioni che hanno un notevole rilievo a livello di giutizia sportiva (non tutte, ma molte di loro) e che stanno mettendo in ansia diverse società e allarmando la stessa Figc. Nel primo post "Calciopoli 2, facciamo chiarezza..." (vedi), ho cercato di spiegare dal punto di vista giuridico la situazione, per la verità abbastanza intricata. Il problema, come detto, è che molti media stanno contribuendo a rendere ancora più incomprensibile la situazione. Il caso emblematico riguarda l'intercettazione Bergamo-Facchetti in cui redazioni e vari ,illustri(?) commentatori si sono cimentati in un lavoro stile CSI Las Vegas (Grissom numero 1, Miami e New York non mi piacciono) per capire chi dei due avesse pronunciato il nome "Collina". Incredibile. Alcuni hanno fatto giustamente notare che questa situazione ricorda molto da vicino la storiella del "dito e della luna", con il dito rappresentato dalla pronuncia "Collina" e la luna dalle 74 nuove intercettazioni clamorosamente sfuggite nel corso di Calciopoli 2006.
Ecco, è incomprensibile il fatto che giornali e televisioni stiano tralasciando il quadro complessivo che sta emergendo in questi giorni. Cortine fumogene, tentativi di ridimensionare episodi e dialoghi sportivamente assai rilevanti, insabbiamenti veri e propri. Per fare chiarezza, allora, ecco l'elenco complessivo delle 74 nuove intercettazioni che Auricchio e i suoi 9 collaboratori hanno pensato bene di non inviare alla Procura Figc 4 anni fa, determinando quindi delle sentenze sportive parziali e per forza di cose difformi dalla realtà dei fatti.
Premessa fondamentale è che la quantità non significa qualità, vale a dire che ogni singola telefonata va analizzata e di conseguenza ognuna ha una sua gravità intrinseca e determina una diverso grado di responsabilità dei soggetti e delle società coinvolte.

Queste sono le 74 intercettazioni raccolte dal pool difensivo di Luciano Moggi. La domanda, ancora una volta, è per quale ragione tali intercettazioni emergano solo ora.

INTER 43 TELEFONATE
MILAN 9 TELEFONATE
PALERMO 9 TELEFONATE
REGGINA 4 TELEFONATE
CAGLIARI 3 TELEFONATE
ROMA 2 TELEFONATE
BOLOGNA 2 TELEFONATE
UDINESE 1 TELEFONATA

FACCHETTI 41 TELEFONATE (17 con Bergamo, 10 con Pairetto, 5 con Ghirelli allora Segretario Figc, 4 con Mazzei allora designatore assistenti, 3 con l'arbitro De Santis, 1 con Mazzini allora vice-presidente Figc e 1 con Lanese allora presidente AIA);
RINO FOSCHI (all'epoca DS Palermo) 9 TELEFONATE
GALLIANI 8 TELEFONATE (+ 1 MEANI con DE SANTIS)
CELLINO 3
CIPOLLINI (all'epoca Presidente Bologna) 2
PRADE' (direttore sportivo Roma) 2
SPALLETTI (all'epoca allenatore Udinese) 1 - con Bergamo

Tutto questo, lo ribadisco, per fare chiarezza e per dare un quadro complessivo della situazione. Altrimenti, al ritmo di un'intercettazione pubblicata al giorno si capisce ben poco.