venerdì, aprile 16, 2010

Amstel Gold Race 2010: Percorso, Favoriti, Diretta Tv e Quote

Inizia con l'Amstel Gold Race 2010 la settimana conclusiva delle Classiche di primavera. Domenica per l'appunto ci sarà la stupenda corsa olandese, mercoledì l'imperdibile Freccia Vallone con il leggendario Muro di Huy e domenica prossima si chiuderà con la Liegi-Bastogne-Liegi, dominata lo scorso anno da Andy Schleck. Da settimana prossima si inizierà a parlare di Corse a Tappe (anticipo che tra un paio di settimane su questo blog ci sarà uno speciale dedicato al Giro d'Italia 2010).
L'Amstel Gold Race, essendo nata solamente nel 1966, non ha la stessa tradizione di altre Classiche quali Roubaix e Fiandre, ma da un punto di vista eminentemente tecnico rappresenta una specie di Mondiale. Il percorso è infatti caratterizzato da un'infinità di strappi (31), tutti abbastanza brevi - del resto siamo pur sempre nei Paesi Bassi - ma di grande difficoltà (molti sono sopra il 10% e alcuni toccano il 15%). La gara si disputa tutta intorno a Valkemburg, nome che agli appassionati dice molto, e gli ultimi 30km sono i più difficili, con diversi strappi che si susseguono senza soluzione di continuità fino al Cauberg (1km al 9%), ultima rampa che porta dritti al traguardo. Come si diceva l'Amstel Gold Race è una Classica molto aperta, con possibilità di vittoria sia per gli specialisti delle gare di un giorno, sia per i campioni delle corse a tappe. Andando a scorrere l'albo d'oro, infatti, troviamo i sigilli di Museeuw, Bogeerd, Zabel, Cunego, ma atleti come Lance Armstrong (due volte secondo, assente in questa edizione), Franck Schleck e Alejandro Valverde sono stati tra i protagonisti delle ultime edizioni.

FAVORITI: proprio la difficoltà e imprevedibilità del percorso non consente come alla Roubaix o al Fiandre di indicare qualcuno come assoluto favorito. Non ci può essere un Cancellara in una corsa di questo genere. Certo, ci sono alcuni atleti che sembrano in ottima condizione e che partono con buone possibilità di vittoria. Su tutti Alejandro Valverde (protagonista a tutt'oggi di un intricato caso di giurisdizione antidoping tra Coni, Wada e Tas), Joaquim Rodriguez e Philippe Gilbert. I due team fari della corsa dovrebbero essere la Rabobank, padrona di casa, che schiera Gesink, altro favorito, e Freire (non si può mai sapere con "il fantasma", ma l'Amstel sembra una corsa un po' troppo dura per le sue caratteristiche) e il Team Katusha con il sopraccitato Rodriguez, Ivanov (vincitore a sorpresa lo scorso anno, nella foto) e Kolobnev. Tra gli italiani la speranza principale è Damiano Cunego, vincitore nel 2008, ma reduce da problemi fisici e non solo (vedi inchiesta di Mantova). Pozzato non sembra in grado di lottare con i migliori sugli strappi, mentre due nomi a sorpresa, ma non tanto, potrebbero essere Nibali e Gasparotto. Da non escludere l'exploit di qualche outsider (Kroon, Horner) o di qualche nome illustre da corsa a tappe (Evans o Andy e Franck Schleck).

DIRETTA TV: come per tutte le Classiche, Rai 3 trasmetterà la gara in diretta a partire dalle 15.10 col commento di Pancani-Cassani. Immancabile anche la diretta su Eurosport (Berton-Magrini) con collegamento a partire dalle 15.00.

QUOTE: anche i bookmakers (Unibet) faticano ad individuare un favorito assoluto, ma Valverde ha la quota più bassa (4.00); dietro a lui molto attesi Gilbert (8.00) e Rodriguez (9.00). Ecco le quote degli altri favoriti:

F. SCHLECK 14 - GESINK 15 - POZZATO 16 - A. SCHLECK 17 - KROON 18 - FREIRE 19 - SANCHEZ GIL 20 - CUNEGO 20 - IVANOV 22 - KOLOBNEV 22 - HORNER 30 - EVANS 45 - NIBALI 55 - GASPAROTTO 65

PRONOSTICO PERSONALE: GESINK; oppure KOLOBNEV